il Blog di Webdy.it

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.
  • Accesso

Il Posizionamento sui Motori di Ricerca

Inviato da il in Web Design

Come ottimizzare il proprio sito e raggiungere un buon posizionamento sui motori di ricerca (primo fra tutti Google)?

Prima di tutto è necessario fare un passo indietro e comprendere che il posizionamento e l'indicizzazione di un sito andrebbe gestita sempre pagina per pagina, questo semplifica le cose e ci da la possibilità di lavorare da subito sui dettagli.

1. Scegliamo quindi una pagina del proprio sito che vorremmo vedere nei primi 10 risultati di ricerca di Google.

Potrebbe essere la homepage, ma non obbligatoriamente.

2. Scegliamo poi una parola chiave per cui vorremo che la nostra pagina fosse "pescata" da Google e mostrata a chi cerca quel termine.

Questa è una fase molto delicata, sbagliare qui significa fare un sacco di lavoro inutile in seguito, quindi attenzione!
Scegliete sempre una termine di ricerca composto da più parole, MAI un termine unico. Quindi se il nostro sito riguarda un agriturismo in provincia di Siena evitiamo di scegliere "agriturismo", ma anche "agriturismo in toscana", perchè la concorrenza sarebbe davvero troppa. Meglio forse scegliere qualcosa del tipo "agriturismo vicino a siena".

In ogni caso questa non è una scelta che si può fare a tavolino, bisogna prima di tutto immedesimarsi in chi effettua la ricerca, e immaginare quali termini potrebbe usare la persona che vogliamo ci trovi, e poi munirsi di strumenti di analisi sofisticati e andare a vedere effettivamente quante persone hanno cercato i termini che vogliamo usare.
Per fare questo il solito Google ci offre gratuitamente uno strumento estremamente sofisticato, lo Strumento per le parole chiave.

3. Usiamo lo strumento per le parole chiave di Google per ottimizzare i termini scelti.

Lo strumento fornisce, oltre al volume di ricerca mensile del termine prescelto, anche la concorrenza di inserzionisti che usano quel termine. Questo dato ci interessa qualora volessimo promuovere il nostro sito negli annunci a pagamento di Google, ma è anche un indicatore di quanto un termine di ricerca sia "gettonato" in generale.


Parole chiave per posizionamento sui motori di ricerca

Nel nostro caso vedo subito che la frase "agriturismo vicino a siena" viene cercata troppo poco, meno di 100 volte al mese, mentre la frase più semplice "agriturismo siena" ha un volume di oltre 18.000 ricerche mensili e un'alta concorrenza di inserzionisti. "Agriturismo siena" è un termine ancora abbastanza generico e per il quale potrebbe essere difficile difficile posizionarsi bene, tuttavia mettiamolo tra le possibilità.

Altri termini possibili sono "agriturismi siena" con 3.600 ricerche mensili, "agriturismo a siena" con 1.300, "agriturismo di siena" con 1.000.
Può sembrare assurdo concentrarsi sul mutamento di una a o di un di, eppure la scienza del posizionamento sui motori di ricerca (detta SEO - Search Engine Optimization in gergo) richiede un livello di minuzia molto intenso, e a volte, anche se non sempre, i piccoli dettagli diventano molto importanti.

4. Scegliamo un termine di ricerca definitivo e scopriamo i nostri concorrenti.

Alla fine scelgo "agriturismo a siena". Per scoprire chi sono i miei concorrenti per quel termine non dovrò fare altro che cercarlo su Google. Trovo alcune directory che raccolgono molti agriturismi, ma anche siti di singole strutture. Dunque esiste la possibilità di vedere il mio sito tra i primi dieci.
A questo punto un buon lavoro sarebbe quello di approfondire ad uno ad uno i siti internet dei nostri concorrenti, e capire come sono stati ottimizzati nel dettaglio. Questo naturalmente è un lavoro difficile da fare per il "profano", di solito ci si affida ad agenzie specializzate per analisi di questo tipo. Ad ogni modo questo tipo di approfondimento può essere per ora rimandato, e andiamo avanti con aspetti più generali.

5. Due fattori importanti su cui abbiamo meno controllo.

I motori (Google sempre in testa) "promuovono" un sito nei risultati di ricerca in base a moltissimi fattori. Almeno due di questi sono ahimè un pò fuori controllo, almeno se abbiamo appena messo online il nostro nuovo sito.

  • Il primo fattore fuori controllo è l'età anagrafica del dominio associato al sito. I motori preferiscono domini che sono in giro da più tempo, perchè sottintendono che appartengano a siti più affidabili, mentre i domini freschi freschi (come magari è quello appena acquistato per il mio sito vengono tenuti in coda.
  • Il secondo fattore è la quantità di link in entrata verso il mio sito (ovvero link su altri siti che portano al mio). Averne molti è indice di qualità, ma solo se provengono da siti che hanno a che vedere (per argomento o contesto del link) con il contenuto del mio sito. Un errore da evitare SEMPRE è quello di seminare link a caso in giro per il web, oppure iscriversi a sistemi di "scambio link" poco trasparenti. I motori se ne accorgono in fretta, e il nostro sito finisce di solito in quarantena a tempo indeterminato.

6. Scegliamo un pagina da promuovere e iniziamo ad ottimizzarla.

Bene, adesso che abbiamo scelto "agriturismo a siena" come termine di ricerca, dobbiamo scegliere una pagina del nostro sito che vogliamo sia trovata per quel termine. potrebbe essere la homepage, ma anche una pagina interna. deve necessariamente essere una pagina che contiene un pò di testo, perchè i motori di ricerca indicizzano l pagine quasi solo in base ai contenuti testuali.

Ecco dunque una lista degli elementi della pagina da controllare ed eventualmente correggere

  • La URL (indirizzo web) della mia pagina sarebbe bene che contenesse il mio termine di ricerca (ad es: http://miosito.it/agriturismo-a-siena.html)
  • Idem per i METATAG della mia pagina (i metatag sono informazioni visibile nel codice html del sito, ma invisibili nella pagine che viene visualizzata normalmente, i motori li cercano per identificare il contenuto delle pagine e indicizzarlo rapidamente)

  • Il testo della mia pagina dovrebbe contenere il termine di ricerca che ho scelto (agriturismo a siena), in una percentuale non superiore al 5% e non inferiore al 3%.
    Se ripeto troppe volte il termine il motore sospetterà che lo sto facendo di proposito per avere un posizionamento migliore, idem se inserisco parole chiave in luoghi nascosti della pagina, o in caratteri piccolissimi, o in bianco su fondo bianco. Questi e in genere tutti i "trucchetti" sono assolutamenti dannosi, i motori di ricerca hanno sistemi molto sofisticati per garantire risultati di ricerca genuini, quindi l'unica possibilità è rimboccarsi le maniche e usare con intelligenza le strade consentite.
    Per conosere la percentuale di parole chiave di una pagina web esiste uno strumento semplice, gratuito e abbastanza preciso, lo trovate qui.
  • Il testo della mia pagina deve essere originale (non copiato da altri siti) e contenere il termine di ricerca perchè parlo di quell'argomento, non perchè l'ho forzato all'interno del testo. A volte è utile costruire il testo intorno al mio termine di ricerca, e non viceversa.
Ultima modifica il
Vota:
5

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite Giovedì, 29 Giugno 2017